molto in breve:

specializzato in Nord Europa, autore di guide e reportage, esperienza in viaggi organizzati

Massimo Cufino

Sono nato in una grande città. E vivo in una grande città. Probabilmente per la legge del contrappasso, amo gli spazi sconfinati, siano essi verdi pianure, ampie vallate, vette di monti innevati e mari senza orizzonti. Il mio primo viaggio in Nord Europa è datato 1992: da Oslo a Capo Nord e ritorno, passando per i fiordi all’andata e per i monti al ritorno. Da quel momento il virus dell’Estremo Nord mi ha colpito, senza mai più abbandonarmi. Ho cercato di curarlo dedicandomi ad altre destinazioni: ho avuto la fortuna di conoscere paesi e genti straordinarie in diversi continenti, tra cui l’Africa si è conquistata un posto rilevante nella mia personalissima classifica. Il Mal d’Africa? No, quello non mi ha colpito, forse perché il virus dell’Estremo Nord non l’ha permesso. Ho lavorato per oltre 20 anni in un’azienda informatica. Le ferie, sempre troppo poche, erano completamente dedicate ai viaggi. Finché non ho preso il coraggio a due mani, ho abbandonato il computer e mi sono dedicato ai viaggi, in ogni espressione. Ho scritto articoli per riviste specializzate, firmato guide turistiche per la Polaris, ho accompagnato gruppi e collaborato con tour operator nella programmazione di viaggi. Come dicevo, però, quel virus non mi ha mai abbandonato. Amo il Nord, la diversità dei paesaggi mozzafiato, i contrasti sempre molto forti, i pittoreschi villaggi colorati, le emozioni delle attività sempre dentro la natura. Mi piacciono il freddo, il vento, le tempeste, la calma e le luci offerte dai territori polari, giorno e notte. Per questi motivi ho dedicato diverso tempo a visitare le regioni artiche, per lavoro e per piacere. Sempre con passione. Ora ho il desiderio di raccontare “il mio nord”, il Nord che piace a me.